45 results for author: ssmticino


La procedura di consultazione è conclusa. L’SSM si oppone ai licenziamenti.

L’SSM si è impegnato molto nella procedura di consultazione. Abbiamo raccolto le vostre proposte alternative in un documento che è stato inviato alla SSR nei termini previsti e che potete consultare sul nostro sito www.ssm-site.ch. Si tratta di proposte che non toccano direttamente il personale, ma chiedono essenzialmente di rinunciare a spese giudicate superflue e non prioritarie per un’azienda che sottostà ad un mandato di servizio pubblico. La principale rivendicazione dell’SSM è la seguente: nessun licenziamento finché non sarà stabilito in modo preciso il finanziamento della SSR attraverso il nuovo sistema di riscossione del canone. ...

Azione nazionale SSM contro le misure di risparmio – Martedì 27 ottobre 2015

L’SSM ha già espresso un fermo NO al piano di risparmio annunciato che prevede la riduzione di 49 posti di lavoro, di cui 18 licenziamenti. Siamo profondamente indignati dl fatto che la SSR e la RSI si siano piegate alle pressioni ideologiche di chi vuole smantellare il servizio pubblico, colpendo l’azienda nel suo “core business”. Ci rifiutiamo di credere che non ci siano altre voci di risparmio che permettano di salvare i posti di lavoro e i programmi. Ricordiamo -in primis- i progetti immobiliari previsti. Mentre si vuole ridurre il personale l’azienda, a più livelli, indice nuovi concorsi per posizioni dirigenziali. Qualcosa non ...

Assemblea straordinaria del 13 ottobre 2015

Le collaboratrici e i collaboratori della RSI riuniti in assemblea martedì 13 ottobre 2015 si oppongono alla annunciata soppressione di 49 posti di lavoro e rifiutano fermamente qualsiasi licenziamento. Contestano un piano di risparmio che tocca unicamente il personale e i programmi e rivendicano trasparenza totale da parte dell’azienda. Ciò permetterà al sindacato di avere una visione chiara della situazione finanziaria per poter così fare delle controproposte di risparmio che preservino gli impieghi e i programmi. L’atteggiamento della SSR in questo contesto, con la volontà manifesta di operare dei tagli il prima possibile, piegandosi ...

Presa di posizione del Comitato Nazionale SSM sulle misure di risparmio annunciate dalla SSR

L’SSM si oppone al programma di risparmio annunciato dalla SSR e in particolare contesta che la riduzione di 250 posti di lavoro preveda anche dei licenziamenti. Il Comitato Nazionale dell’SSM ha pertanto formulato, sulla base delle rivendicazioni delle assemblee del personale tenutesi a livello regionale, le seguenti dichiarazioni di principio: 1. Anche se non ci dovessero essere dei licenziamenti, il personale SSR sarà comunque messo sotto pressione. La SSR ha infatti già comunicato il taglio di 130 posti di lavoro che verranno stralciati con prepensionamenti e non sostituzioni. Questo comporterà un carico di lavoro supplementare per il ...

Taglio di posti di lavoro alla SSR: l’SSM farà di tutto per salvaguardare gli impieghi

La SSR ha comunicato oggi che a seguito delle misure di risparmio annunciate saranno toccati 250 posti di lavoro. Misure di risparmio che, lo ricordiamo, non sono causate da una cattiva gestione dell’azienda, ma dalla decisione del Tribunale federale sull’IVA e dall’aumento della quota parte di canone destinata alle emittenti private. L’SSM è molto preoccupato per il futuro degli impieghi e dell’offerta radio TV della SSR e contesta che le misure di risparmio vadano a toccare direttamente il core businnes dell’azienda, i collaboratori e le collaboratrici che producono quotidianamente i programmi. Per questo, dopo consultazione del ...

Riunione straordinaria – venerdì 18 settembre- Sala A Ratatouille

Le drastiche misure di risparmio annunciate lunedì dalla SSR hanno messo tutti in allarme. È la prima volta che l’azienda si trova confrontata con delle perdite così ingenti da essere costretta a considerare la soppressione di programmi e di posti di lavoro. Le trattative per valutare le ripercussioni di queste misure di risparmio , tra cui un eventuale piano sociale, inizieranno a breve. Sarà nostra priorità tutelare i posti di lavoro e chiederemo all’azienda di considerare tutte le altre possibili voci di risparmio, prima di toccare gli impieghi e i programmi. I risparmi annunciati giungono in un momento già molto critico per il ...

Una guida per le scelte attente alla parità di genere

Immagini di donne - Linguaggio da uomini? Basta con i cliché! Attraverso la raffigurazione di donne e uomini, i media veicolano clichés e stereotipi e trasmettono una certa visione del mondo. Clichés che riguardano certamente i due sessi, ma le donne pagano il prezzo di una copertura parziale e spesso in sufficiente. Per questo SSM, Syndicom e Impressum hanno redatto la "Guida redazionale per scelte attente alla parità di genere" che trovate qui i_Gender_Leitfaden

Referendum sulla nuova legge radio-tv: i fatti

L’Unione Svizzera delle arti e dei mestieri fornisce dati non corretti Lo scorso lunedì l’Unione Svizzera delle arti e dei mestieri (USAM) ha depositato le firme raccolte per lanciare un referendum contro la revisione della legge radio-tv (RTV). Si oppone così ad un sistema di riscossione del canone giusto e sostenibile. E nella sua presa di posizione del 12 gennaio 2015 espone degli argomenti basati su dati non corretti. USAM: „Il Consiglio federale con il nuovo sistema di riscossione del Canone si attribuisce la competenza assoluta di poter aumentare senza restrizioni la tassa di ricezione senza alcun controllo democratico“ Falso: ...

Legge Radio TV e servizio pubblico – È in gioco l’avvenire della SSR

Informazioni dal Comitato Nazionale La politica dei media è stato il tema principale della prima seduta dell’anno del comitato nazionale. Referendum nuova Legge Radio TV (LRTV): uniti contro l’USAM Il nuovo sistema di riscossione del canone previsto dalla revisione della Legge radiotelevisiva (LRTV) presenta solo vantaggi e assicura alla SSR un finanziamento giusto e duraturo. Allo stesso tempo l’innalzamento dello splitting del canone investito anche per la formazione va a favorire le emittenti private. A seguito del referendum, lanciato dall’USAM (Unione Svizzera delle Arti e dei Mestieri), il popolo sarà chiamato a pronunciarsi ...